Ricerca personalizzata
Ricerca personalizzata

lunedì 9 luglio 2012

GREGORY PORTER, IL NUOVO BARRY WHITE ALLA CONQUISTA DELLE HIT CON IL SUO JAZZ


di Federico Scoppio
ROMA - Quando Gregory Porter aveva dieci anni sognava di incontrare, prima o poi, quel padre che non aveva mai conosciuto. Per esorcizzare il dolore faceva così: ascoltava un bel disco della collezione della mamma, quasi sempre si ritrovava a prendere un disco di Nat King Cole, cantante e pianista che ha incarnato il sogno dei neri americani negli Stati Uniti negli anni cinquanta del secolo passato. Un crooner: uno di quei cantanti confidenziali, categoria di cui hanno fatto parte Frank Sinatra, Bing Crosby e che negli ultimi anni ha visto rinascere il movimento con alfieri anche italiani, uno su tutti: Mario Biondi.
Il piccolo Gregory quando ascoltava Cole cadeva in trance, pensava che fosse lui il padre mai visto e che l'amore che cantava nelle sue canzoni fosse proprio indirizzato al suo figlio segreto. Romanticismo d'altri tempi. Nato a Los Angeles, ha lavorato nel mondo del teatro, segnato drammaticamente da questa situazione familiare, Gregory è oggi cresciuto: la nuova star del nuovo soul americano, il nuovo Barry White, il crooner del secondo millennio, strillano i giornali negli Stati Uniti. Il personaggio dell'estate da scoprire. Passo dinoccolato, vestiti veramente cool, balla bene, come un attore di un musical. E canta come meglio non si può, se Mario Biondi lo ascoltasse una volta sola, si innamorerebbe subito di lui. Un talento incredibile, confermato dal recente album, il secondo per lui, Be Good, con brani in rotazione già nelle radio italiane più attente.
Già durante l'adolescenza aveva iniziato a scrivere canzoni, a frequentare il jazz e tutte le derive della musica afroamericana, molto disilluso, era passato a lavorare per i musical. Fin quando, inaspettatamente per lui, riceve una nomination al Grammy come miglior vocalist jazz maschile. Allora inizia crederci realmente. E nella vita privata? Vorrebbe essere più spavaldo, più aggressivo e disinvolto. Avrà tempo per diventarlo.
Notizia su Leggo.it

Nessun commento:

Posta un commento