Ricerca personalizzata
Ricerca personalizzata

martedì 24 luglio 2012

Le scuole non apriranno

Con i tagli previsti dalla spending review le Province 'non sono nelle condizioni di poter assicurare l'apertura dell'anno scolastico'. A lanciare l'allarme e' il presidente dell'Upi (l'Unione delle Province italiane), Giuseppe Castiglione, il quale spiega che con i provvedimenti del governo 'la meta' delle Province andra' in dissesto'.

Castiglione, a nome di tutte le Province italiane, ha ricordato poi che, in merito all'accorpamento di alcune Province previste dal decreto legge sulla spending review 'devono essere i territori a poter decidere' e sul termine previsto dei 40 giorni per procedere all'accorpamento l'Upi chiede al governo 'un termine piu' congruo. Siamo d'accordo sul risparmio delle spese e sulla maggiore efficienza - ha aggiunto Castiglione - ma il dimagrimento non puo' incidere su quelle che sono le funzioni principali degli enti, a partire dal tema dell'edilizia scolastica e dell'occupazione'. Sempre in tema di accorpamento le Province chiedono che si 'dia vita finalmente alle citta' metropolitane. Siamo fiduciosi - ha concluso il presidente dell'Upi- che il governo possa dare risposte concrete alle nostre speranze e gia' nel pomeriggio incontreremo i gruppi parlamentari'.

Nessun commento:

Posta un commento